I pensieri ed i dati di Tripadvisor, Tempistiche di prenotazione e aspettative, ruolo dei vaccini, clienti domestici: che anno sarà il 2021 per il turismo?

I pensieri ed i dati di Tripadvisor, Tempistiche di prenotazione e aspettative, ruolo dei vaccini, clienti domestici: che anno sarà il 2021 per il turismo?

Prendiamo in esame cosa succederà e proviamo ad avere una visione più chiara del prossimo periodo, analizziamo 5 aspetti chiave della ripresa del turismo nel 2021. E proviamo a pensare cosa possiamo fare

1.    Le prenotazioni arriveranno per l’estate, ma le persone si stanno decidendo ora

La voglia di viaggiare c’è.
Secondo i dati, l’11% degli utenti ha già prenotato un viaggio all’estero (specialmente inglesi e tedeschi) e un altro 17% sta pianificando le proprie vacanze.

Ovviamente, a causa delle restrizioni dei vari paesi, le persone si muoveranno a partire dall’estate. Questo significa che già in questo momento le persone fantasticano e si organizzano per il viaggio che faranno nei mesi più caldi.

Cosa puoi fare?

Fatti trovare! Le persone si guardano già intorno ad esso e tu devi essere in grado di proporgli ora tutte le informazioni per il periodo estivo. Perciò:

Metti in mostra le tue tariffe, con annunci sui metamotori e con i link gratuiti su Google MyBusiness.

Se hai una politica di tariffe flessibili e rimborsabili, mettila in mostra nella tua comunicazione.

2.    I vaccini giocheranno un ruolo fondamentale

Senza dubbio, i vaccini saranno il motore della ripartenza.

A livello globale, il 77% delle persone afferma che, se riceverà il vaccino, si sentirà più sicura a fare un viaggio all’estero (dato che sale all’86% se invece si parla di viaggi dentro ai confini nazionali).

Inoltre, il 26% dice di sentirsi più sicuro a viaggiare in un paese che richiede la vaccinazione ai turisti.

Cosa puoi fare?

Se il tuo personale è stato vaccinato, dai risalto a questo aspetto nella tua comunicazione: le persone sapranno che la tua è una struttura sicura e avrai un vantaggio competitivo.

3.    Il turismo domestico sarà quello principale

Con le restrizioni dei vari paesi in atto, viaggiare nella propria nazione è la soluzione più facile e sicura. Infatti, ben il 74% degli intervistati afferma che farà almeno un viaggio all’interno del proprio paese nel 2021.

In questo caso, è l’Italia a dominare questo campo, visto che l’88% dei viaggiatori italiani ha dichiarato che trascorrerà le vacanze in una località del Belpaese.

Cosa puoi fare?

Concentrati sui viaggiatori nostrani. Incentra la tua comunicazione sulla possibilità di scoprire le meraviglie locali (per chi viene da altre regioni) o di fare una gita fuori porta (per chi è nella tua stessa regione), sviluppando pacchetti e offerte ad hoc.

4.    La frenesia da travel planner è più forte che mai

Potendo viaggiare solo con la fantasia, le persone stanno ormai guardando alle vacanze come qualcosa di davvero speciale e dedicano sempre più tempo e attenzione alla pianificazione dei loro viaggi.

Il 74% degli intervistati dice di passare più tempo a scegliere la destinazione

Il 66% dà maggiore peso alle recensioni rispetto a prima

Il 72% farà più attenzione nello scegliere l’alloggio

Il 70% guarderà più attentamente le attività proposte

Cosa puoi fare?

Cura tutti gli aspetti della tua comunicazione per rispondere alle varie esigenze dei viaggiatori. Ossia.

Metti in mostra le attrazioni della tua località

Cura le recensioni ed evidenzia quelle positive

Cura e uniforma l’immagine della struttura per ogni canale di vendita (se vuoi sapere come, lo abbiamo spiegato in questo articolo sul Parity Content)

5.    Ci sarà tanto sostegno per le attività locali

Conoscendo il periodo di crisi e di difficoltà che le varie attività stanno passando, i viaggiatori si dimostrano più inclini ad acquistare prodotti e servizi dalle realtà locali. Infatti:

Il 74% dei consumatori afferma di voler sostenere i negozi locali

Il 72% mangerà in ristoranti locali

Il 68% preferisce fare acquisti localmente, piuttosto che online

Cosa puoi fare?

Collabora con ristoranti e negozi della tua area per includere i loro prodotti e servizi all’interno della tua offerta.

Per esempio, date le restrizioni, potresti proporre un servizio in camera con i piatti di un ristorante locale (se non disponi di un tuo ristorante). Oppure potresti inserire nelle offerte convenzioni con alcuni negozi che possono interessare ai tuoi clienti.